Comunicato dell’assemblea attivisti M5S Palermo (e alcuni miei chiarimenti)

In seguito ad alcune domande che mi sono state poste da simpatizzanti e non del M5S e leggendo quanto scritto dalla stampa in merito a presunte spaccature interne, diaspore e anatemi vari (lanciati da non si sa bene chi) oltre a riportare il comunicato deliberato durante l’assemblea attivisti del M5S Palermo del 10/02/2014 vorrei provare a chiarire alcuni punti:

  • Meetup.com è una piattaforma web che offre spazio (a pagamento) per creare dei forum. Chiunque può registrarsi, pagare, ed aprirsi il suo, per trattare qualunque argomento. Rimanendo in ambito M5S, durante le competizioni elettorali, Beppe Grillo certifica le liste, non i meetup, rilasciando una liberatoria all’uso del logo M5S a nome del capolista. Si tratta quindi di una trasposizione della certificazione dalla lista al meetup utilizzato da quella lista.
  • Non ci sono “dissidenti espulsi” dal M5S Palermo ma solo delle persone bannate da un forum (come già detto il meetup “Il Grillo di Palermo” è un forum) per comportamenti contrari alla “netiquette” (nel forum delle Giovani marmotte sarebbero stati bannati molto tempo prima…) che quindi hanno deciso di creare un altro Meetup.
  • Le password di accesso aIle piattaforme web -i due meetup storici “Movimento5stellePalermo: Meetup di Beppe Grillo a Palermo” (c.d. Palermo1), “Movimento5stellePalermo: Il Grillo di Palermo” (c.d. Palermo3),  e sito– ad oggi sono in mano di chi ha avuto la fiducia fino a ieri (e non e detto che non la meriti anche domani…) il problema, fin’ora, non si era mai posto e sarà all’ordine del giorno della prossima assemblea attivisti.

SEGUE COMUNICATO ilgrillodipalermo m5s

Il Grillo di Palermo comunica alla Città ed a tutti i simpatizzanti del M5S che il Meetup storico M5S PA: IL GRILLO DI PALERMO, non è mai stato unito e compatto come ora!

L’entusiastica e massiccia partecipazione della Cittadinanza e degli Attivisti all’evento “ParlamenTOUR 5 Stelle” tenutosi domenica scorsa ne è la dimostrazione evidente.

I punti che seguono, votati ad ampia maggioranza dall’Assemblea degli Attivisti, costituiscono, pertanto, momento di sintesi e voce del M5S PA: IL GRILLO DI PALERMO.

1) nessun accordo al ribasso coi partiti. Se convergono sulle nostre posizioni si concorda come gestire il rapporto;
2) nessuna dichiarazione pubblica che contraddica l’operato o le iniziative di altri parlamentari o dello staff; il dissenso si esprime esclusivamente in assemblea e attraverso canali interni ed è oggetto di dibattito;
3) video registrazione di tutte le assemblee;
4) snellimento dell’organizzazione dell’assemblea. Proposta sottoscritta una settimana prima della data da almeno dieci attivisti con odg con non più di tre punti,emendabile sino al giorno prima e, richiedibile, per motivi d’urgenza (da dichiarare nella richiesta), anche con. 24 ore di preavviso;
5) ammissione come attivista su presentazione e garanzia di almeno un attivista dopo aver svolto positivamente con continuità attività in almeno un gruppo tematico per almeno sei mesi.
6) adesione ideale al codice etico, nel testo attuale od emendabile se ritenuto inadeguato, e nessuna condivisione di attività con altri Gruppi che in esso non si riconoscano.

Sono pertanto da considerarsi superati tutti i comunicati precedenti e/o difformi dal presente che non siano frutto di decisioni assembleari.

Seguirà a breve conferenza stampa.

Il presente comunicato e la sua pubblicazione sono stati approvati dall’Assemblea all’unanimità.

M5S Palermo: IL GRILLO DI PALERMO

Il presente Comunicato è stato trasmesso alle redazioni con la seguente e-mail:
Alla cortese attenzione delle redazioni M5S PA e SICILIA 5 STELLE redazioneweb@palermo5stelle.it
info@sicilia5stelle.it
Su mandato dell’Assemblea attivisti del M5S PA: IL GRILLO DI PALERMO, tenutasi ieri in sede, si trasmette il seguente comunicato con preghiera di pubblicazione nelle apposite sezioni.

 

Comunicato dell’assemblea attivisti M5S Palermo (e alcuni miei chiarimenti)ultima modifica: 2014-02-12T03:50:28+00:00da negrifil
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento